equity-crowdfunding

Durante le diverse fasi di sviluppo la tua startup avrà un perenne bisogno di fondi.

E se nelle prime fasi di questo processo si tratta di somme contenute, più la crescita avanza più crescono le somme necessarie allo sviluppo del business. 

Che nelle diverse fasi di crescita avranno ovviamente funzioni diverse.

Ma cosa succede se non riesci a reperire i fondi per la tua startup?

Se nelle prime fasi, quando stai ancora lavorando su un’idea, il rischio è quello di dover mettere nel cassetto il tuo sogno, nel caso l’attività della società sia già avviata i problemi possono essere più gravi. 

Nel caso questa situazione si protragga per lungo tempo, la crescita e la normale attività della startup rischiano di andare incontro a uno stop definitivo. 

La tua startup non sarà in grado di completare il suo ciclo di sviluppo con successo.

Quindi c'è bisogno di soldi: ma dove trovarli? 

Se nelle prime fasi di sviluppo potrai far ricorso al tuo capitale personale, con l’aumentare delle somme necessarie dovrà cambiare il sistema di finanziamento. 

E spesso non sarà facile reperire questi fondi tramite canali tradizionali. 

Ma esiste una soluzione alternativa e molto efficace, quella di scegliere l'equity crowdfunding

Perché scegliere l’equity crowdfunding

L’equity crowdfunding è uno strumento sempre più utilizzato dalle startup per reperire i fondi necessari allo sviluppo. 

Ci sono tutta una serie di vantaggi che intraprendere con successo una campagna di equity crowdfunding può portare a una società, che vanno anche oltre al semplice reperimento di fondi. 

Eccone alcuni:

# Quali requisiti deve possedere la tua startup

Non tutte le startup e non tutte le società in generale possono accedere allo strumento dell’equity crowdfunding.

L’Italia è stato il primo paese in Europa a dotarsi di una normativa specifica dedicata all’equity crowdfunding: questo permette una definizione più chiara dei requisiti che sono necessari per accedere a questo sistema di finanziamento.

In particolare, l’elenco dei soggetti che può “lanciare” una campagna di equity crowdfunding si trova all’interno del regolamento Consob n° 18592 del 2013.

Fra i soggetti indicati dal regolamento si trovano le startup innovative, comprese le startup a vocazione sociale e le startup turismo.

# Quali sono le caratteristiche di una startup innovativa?

Anche in questo caso bisogna fare riferimento alla legge, in particolare al Decreto Crescita-bis (decreto legge n. 179 del 2012), che per la prima volta definisce quello che per l’ordinamento italiano è una startup innovativa.

Alcuni requisiti previsti dalla legge sono obbligatori, quindi la tua startup deve possederli tutti per essere annoverata fra le startup innovative. 

Altri requisiti sono invece addizionali ed è sufficiente per la tua startup possederne uno solo.

La necessità di precisi requisiti non deriva solamente dal fatto che le startup innovative possono utilizzare lo strumento di equity crowdfunding.

Infatti questo tipo di startup può usufruire di tutta una serie di importanti benefici fiscali, che mirano a promuovere la crescita di quelle realtà che hanno il potenziale per far a loro volta crescere l’economia italiana. 

Per questo motivo le startup innovative vengono individuate in modo molto preciso.

# Requisiti obbligatori di una startup innovativa

Per l’attuale normativa una startup innovativa è una società di capitali, che può essere anche costituita in forma cooperativa. 

Questa società ha come oggetto esclusivo o prevalente della sua attività d’impresa  lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi ad alto valore tecnologico. 

Questa tipologia di società è ritenuta, grazie alle sue potenzialità di crescita, un soggetto importante nella politica industriale del paese e deve obbligatoriamente avere le seguenti caratteristiche:

# Startup innovative a vocazione sociale e turistiche

Anche le startup innovative a vocazione sociale possono utilizzare lo strumento dell’equity crowdfunding: si tratta di società che operano in settori di interesse sociale e comunitario, come possono essere quello sanitario e quello educativo, e che hanno un modello di business basato su un’attività che puntano a migliorare la qualità di vita delle persone e della società in generale.

Le startup turistiche sono quelle che hanno come oggetto l’attività di promozione del turismo utilizzando tecnologie innovative e sviluppando software appositamente dedicati al settore.

# Il Registro delle startup innovative

Se la tua startup soddisfa i requisiti visti sopra puoi iscriverla al Registro delle Startup Innovative. 

Dopo la costituzione della società, che per le startup innovative non prevede la possibilità di costituzione online, potrai iscrivere la startup nell’apposito registro: questo ti permetterà di usufruire di diversi benefici previsti dalla legge, oltre che di accedere liberamente alla raccolta di capitali tramite equity crowdfunding.

La tua startup ha i requisiti per accedere all’equity crowdfunding?
Conoscevi già tutti i requisiti necessari per creare una startup innovativa? 


Se ti piace l'articolo, lascia un commento e condividilo  


Leave a Reply

Your email address will not be published.