Stanco di non riuscire a finanziare la tua startup?

Smettila di correre dietro alle banche e utilizza il crowdfunding

I-fattori-di-successo-di-una-campagna-di-crowdfunding

Il crowdfunding è uno degli strumenti più adatti per finanziare la tua startup, soprattutto in tutti quei casi in cui i normali canali di finanziamento (come per esempio le banche) non sono in grado di accogliere le tue richieste. 

Ma come ogni strumento ha delle precise “regole di utilizzo”: degli accorgimenti che, se seguiti, pur non garantendo in assoluto il successo di una campagna permettono di creare un progetto in grado di funzionare e di attirare l’attenzione di eventuali investitori. 

Ovviamente è necessario un importante lavoro di preparazione, che permetta di capire se effettivamente il progetto possa avere un seguito (in caso contrario non è nemmeno il caso di iniziare la campagna) e, in caso di risposta positiva, un planning di lavoro che tenga conto di tutti gli aspetti che vanno a comporre un crowdfunding di successo.

Vediamo insieme quali sono i 7 fattori che possono essere determinanti nella creazione e nello sviluppo di una campagna di crowdfunding di successo.

#1 - La scelta della tipologia di crowdfunding e della piattaforma

Non esiste un solo tipo di crowdfunding, ma questo strumento si presta a essere declinato in maniera anche molto diverso.

Il primo step da affrontare è capire, in base al progetto che vuoi finanziare, quale sia la tipologia di crowdfunding più adatta. 

Si possono distinguere 4 tipologie principali di crowdfunding:

Dalla corretta individuazione della tipologia di crowdfunding nasce anche una corretta scelta della piattaforma, anche perché alcune sono dedicate a singoli tipi di crowdfunding. 

Scegliere la piattaforma giusta permette anche di contattare il pubblico giusto.

#2 - La conoscenza del pubblico

Prima di promuovere la tua campagna dovrai individuare nella maniera più precisa possibile quale sarà il pubblico a cui destinarla: deve essere un’individuazione precisa, che comprenda l’analisi di dati reali e in grado di fornire un identikit preciso dei tuoi possibili sostenitori, in modo che sia più semplice raggiungerli.

#3 - Fissare in modo corretto l’obiettivo di finanziamento

Di quanto denaro hai bisogno per finanziare la tua campagna? 

Anche in questo caso non sono possibili della approssimazioni: devi tenere conto di tutti i fattori in gioco ed essere realista al massimo. 

Quindi, non fissare un obiettivo troppo basso nella speranza di raggiungere il goal, perché la somma raccolta potrebbe non essere sufficiente, ma non rischiare nemmeno di “sparare troppo in alto” perché una campagna con un obiettivo troppo elevato potrebbe “spaventare” i possibili investitori.

#4 - Scegli il tuo team

Non cedere alla tentazione di credere di riuscire a progettare e realizzare in solitaria una campagna di crowdfunding: si tratta di un progetto complesso, che mette in gioco diverse professionalità, quindi dovrai scegliere le persone adatte per collaborare con te. 

Avrai bisogno di un team che si occupi di realizzare il prodotto o il servizio a centro della tua campagna e anche di professionisti che si occupino di preparare un piano di digital marketing efficace e ricco di contenuti in grado di coinvolgere il pubblico.

#5 - Prepara una strategia digitale e un piano di marketing dettagliato

Il modo in cui riesci a comunicare il tuo progetto è la chiave di volta per il successo di un crowdfunding. 

Questo vuol dire raggiungere la community che già segue i tuoi progetti e coinvolgerla nella campagna, in modo che i sostenitori non si limitino al semplice finanziamento ma riescano ad andare oltre: l’obiettivo in questa fase è quello di trasformare i semplici “fan” in “evangelist”. 

Con questo termine si indicano tutti quei soggetti che non si limitano a un sostegno monetario alla campagna, ma che fanno proprio il progetto e ne diffondono la conoscenza attraverso la loro cerchia di conoscenze, generando a loro volta altri “fan” e altri “evangelist”.

Per fare questo devi sfruttare al meglio i diversi sistemi di comunicazione, digitale e non solo, che hai a tua disposizione. 

In particolare i canali che puoi sfruttare per “raccontare il tuo progetto” e coinvolgere in esso quante più persone possibile sono:

Il coinvolgimento del pubblico nella campagna, attraverso una strategia di storytelling in grado di colpire e appassionare, è la chiave vincente per il marketing: creare una community e rafforzare i legami con i sostenitori vuol dire ottenere una base di consenso e sostegno non solo per il progetto in corso, ma anche per eventuali progetti che potrai voler finanziare con il crowdfunding.

Inoltre, una efficace campagna di marketing è importante anche per affermare il brand della tua startup.

#6 - Aggiorna i tuoi sostenitori

Qualunque sia l’evoluzione della campagna di crowdfunding, non dimenticare di aggiornare costantemente i tuoi sostenitori: infatti, nel caso di mancati aggiornamenti, rischi che il tuo pubblico perda interesse per il progetto e che la community che hai creato si vada a disperdere. 

Ovviamente dovrai anche essere trasparente e chiaro negli aggiornamenti: se il progetto non sta andando proprio come avevi sperato, comunicalo ai tuoi investitori e rassicurali che non perderanno la loro ricompensa e che stai facendo tutto il possibile per raddrizzare il timone e riuscire a completare con successo la campagna di crowdfunding.

#7 - Dai importanza ai feedback

Una campagna di crowdfunding è un percorso in divenire: è quasi impossibile pensare di impostare un progetto, sotto tutti gli aspetti visti prima e di non avere la necessità di effettuare delle modifiche. 

Per fare questo è necessario tenere conto dei feedback che ricevi non solo dai tuoi collaboratori, ma anche dai sostenitori: si tratta di consigli preziosi, che possono riguardare sia lo sviluppo del progetto in sé stesso sia quello della campagna di crowdfunding, e che ti possono fornire lo spunto per correggere degli errori e delle imperfezioni, per evitare che possano portare all’insuccesso della campagna stessa.

Abbiamo visto quali sono i fattori che maggiormente possono influenzare il successo di una campagna di crowdfunding e adesso vogliamo sentire il tuo parere: credi che siano solo questi oppure c’è qualche diverso fattore che potrebbe avere un peso importante? 


Se ti piace l'articolo, lascia un commento e condividilo  


    4 replies to "I fattori di successo di una campagna di crowdfunding"

    • Avatar Cristiano

      Ma bisogna essere una società per creare una campagna di crowdfunding?

      • Dante Fenice Dante Fenice

        Ciao Cristiano,
        dipende dal progetto.

        Nel caso dell’equity crowdfunding bisogna essere una startup innovativa.
        Ovviamente si possono finanziare anche progetti personali ma in questo caso è una tipologia di crowdfunding differente.

    • Avatar Ale

      Esistono aziende che si occupano di digital marketing legato alla gestione di progetti di crowdfunding ?

      • Avatar Riccardo

        Ciao Ale ne esistono tantissime però ti consiglio di chiedere se sono specializzate nella gestione di campagne di crowdfunding perchè troppi si spacciano per agenzie di marketing online e poi non vanno oltre la classica campagna ppc su Facebook.

Leave a Reply

Your email address will not be published.