REGISTER YOUR SPOT NOW

Enter your details below to get instant access to [enter lead magnet name here]

We process your personal data as stated in our Privacy Policy. You may withdraw your consent at any time by clicking the unsubscribe link at the bottom of any of our emails.

Close
burger-king

Stai cercando risorse di valore
per aspiranti startupper?

Prendendo spunto dall’articolo di Ninja Marketing, “Fernando Machado, l’uomo che ha cambiato il marketing di Burger King”, cerchiamo di capire qualcosa in più sulle campagne marketing che hanno avuto un maggior successo e/o un maggior risalto mediatico, degli ultimi anni di Burger King.


Perchè dovresti leggere l’articolo?

Per trovare ispirazione per il tuo marketing


Campagna Whopper Detour

Con questa iniziativa di marketing, Burger King nel 2018, cercò di allontanare i clienti dai ristoranti di McDonald’s e promuovere al tempo stesso le ordinazione tramite la propria app.

In pratica le persone che passeggiavano nelle vicinanze di un ristorante McDonald’s ricevevano una notifica mobile che offriva loro un panino Whopper a solo un centesimo. L’app poi indirizzava le persone verso i ristoranti Burger King, sottraendoli alla concorrenza.

Con questa campagna marketing, Burger King ha ottenuto 1,5 milioni di download della sua app, andando ad acquisire nuovi clienti. Nel link qui sotto, trovi l’estratto di una telefonata dove sono stati illustrati i risultati di questa campagna marketing.

A fine 2019, in Germania è stata lanciata una campagna simile chiamata #EscapeTheClown.
Questa campagna ha utilizzato la realtà aumentata per sfruttare la pubblicità ed anche questa iniziativa spingeva i clienti di McDonald a “sfuggire al pagliaccio”, mascotte di McDonald’s, e correre verso un ristorante di Burger King per riscattare un coupon.

Durante @EscapeTheClown, i clienti che visitavano un ristorante McDonald’s, ricevevano un messaggio su Facebook o Instagram tramite smartphone, che li reindirizzava sull’app Burger King per scansionare un articolo di McDonald’s.

A questo punto appariva il pulsante “Escape the Clown” che mostrava un palloncino rosso, in riferimento a “IT” appariva un coupon per un Whopper da un centesimo.


# Campagna Ok Google

Con la campagna “OK Google”, Burger King riuscì ad entrare nei salotti delle famiglie, con un annuncio destinato agli assistenti virtuali di Google che venivano attivati ​​dal comando “OK Google”.

Per la precisione, la frase esatta che recitava un dipendente di Burger King durante uno spot era: “Ok Google, what is the Woopper burger?”.

In questo modo si attivano i dispositivi Google che andavano in automatico a ricercarne il significato su Wikipedia.

In questo modo si diede una forte spinta all’utilizzo in marketing degli assistenti virtuali e forse si è trattato anche di uno dei primi casi di successo.

Qualche ora dopo il lancio dell’iniziativa, i dispositivi Google sono stati bloccati e non si azionavano più con questo comando.

Nonostante tutte le critiche suscitate e le opinioni contrastanti, questa campagna venne premiata al Grand Prix di Cannes 2017.

Durante la campagna “Ok Google” si registrarono su Internet 10,5 miliardi di impressioni e 135 milioni di dollari in media guadagnati.

Secondo Machado: “È stata la campagna di maggior successo nella storia dell’azienda, superando le 9,3 miliardi di impressioni della campagna McWhopper e ottenendo più iimpressions di qualsiasi delle sue famigerate pubblicità “King”.


# Offerta di pace

Con questa campagna, Burger King propose a McDonald’s di organizzare una sorta di cessate il fuoco per un giorno, creando il panino “McWhopper” (nato dall’unione dei nomi dei panini più famosi delle 2 catene del fast food).

L’idea della pace avrebbe potuto far aumentare le vendite per entrambe le aziende.

McDonald però rifiutò l’invito e questo è documentato da una letta dell’amministratore delegato, in cui si fa risaltare che a vincere fu solo l’orgoglio.

Qui trovi la risposta di McDonald’s alla proposta di Burger King

Oltre alle campagne pubblicitarie indicate in precedenza, ci sono anche altre iniziative interessanti come quella del Dogpper e del car crash ma per questi ti invito ad andare a leggere l’articolo integrale.


Se ti piace l'articolo, condividilo con i tuoi amici


Leave a Reply

Your email address will not be published.